Dental Equipe School


OFFICE MANAGER PER STRUTTURA ODONTOIATRICA

La Scuola forma operatori addetti al coordinamento e/o alla gestione delle attività professionali odontoiatriche con un percorso di 7 processi di lavoro qui sotto elencati, per ottenere tutti quegli strumenti di riferimento alla svolgimento del proprio ruolo.

 
PROCESSO 1: Management e compliance delle norme che incidono sul settore

Attività come libero professionista: Iter di apertura della posizione fiscale Scelta del regimo autorizzativo in relazione al tipo di attività che si svolge. Verifica del regime autorizzativo in essere dell'attività professionale. Conoscenza del significato di autorizzazione in deroga. Gestione delle domande di subentro /cambio autorizzazione. Gestione del mantenimento del regime autorizzativo. Comunicazione delle variazioni organizzative e/o strutturali. Legge 81/08. requisiti strutturali e organizzativi della sicurezza degli ambienti di lavoro (sicurezza statica, sicurezza elettrica, rischio incendio, gestione emergenze). Legge 187/2000 sicurezza radiologica.DPR 15 LUGLIO 2003, N. 254 rifiuti sanitari. Dlgs 3 aprile 2006, n. 152 parte quarta rifiuti urbani, speciali, pericolosi non pericolosi. Il Decreto Ministeriale 27 febbraio 2018 ("decreto Gelli") e le assicurazioni. Il Nuovo regolamento Europeo sui Dispositivi Medici (2017/745) e le sue applicazioni. Norme inerenti al processo di sterilizzazione dei DM. Legge 4 Agosto 2017 nr. 124 Legge annuale per il mercato e la concorrenza e sua applicazione ai preventivi. Decreto Legislativo 231/2001 e il modello organizzativo e di gestione. Il contratto di collaborazione professionale. Decreto Legislativo 10 agosto 2018 nr. 104 (GDPR) implementazione e gestione.

 
PROCESSO 2: Codice di deontologia Medica e Organi di Vigilanza del settore

Codice di Deontologia Medica Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli odontoiatri. Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri. Commissione Albo Odontoiatri. Il procedimento disciplinare. Le associazioni sindacali del settore. Ambiti di vigilanza della Guardia di Finanza. Ambiti di vigilanza dei NAS.

 
PROCESSO 3: Gestione delle forme di finanziamento e degli investimenti e del mercato

Analisi strategica del mercato di riferimento (posizionamento competitor target di riferimento). Gestione degli strumenti di impresa. Analisi strategica e business plan. Conoscenza delle risorse strategiche. Credito bancario. Rating liquidità cash flow. Apertura conti – condizioni bancarie – revisione delle condizioni. Finanziamento: Fidi, prestiti, mutui, finanziamenti a breve termine e a lungo termine. Gestione acquisti: conoscenza della filiera (produttori-distributori-utilizzatori). Preventivi, prezzi, sconti, magazzino, acquisto, noleggio operativo leasing. Metodi di pagamento del paziente: contanti, bancomat, carta di credito, bonifico, i circuiti di cash back, i crediti al consumo, i convenzionamenti, le assicurazioni private.

 
PROCESSO 4: Coordinamento della gestione fiscale dell’attività professionale

Attività come libero professionista: Iter di apertura della posizione fiscale. Regime autorizzativo del libero professionista che apre uno studio. Contabilità di cassa del libero professionista organizzato in studio o collaboratore. Le diciture corrette in fattura e le marche da bollo. Previdenza sociale, (ENPAM) forme assicurative, e altre forme di previdenza privata. Lettura degli indicatori di bilancio (costi ricavi ammortamenti) stato patrimoniale IRAP e TFR. Gli indici di affidabilità (ex studi di settore). Tassazione IRPEF per il reddito professionale, reddito professionale e oneri deducibili, reddito netto e tassazione. Gestione dei crediti insoluti nella contabilità di cassa. Attività come impresa: scelta della posizione giuridica (sas, snc, srls, srl, srl-STP, S.p.A.). Iter di apertura della posizione fiscale nelle diverse posizioni giuridiche: Oggetto sociale, Atto costitutivo e patti parasociali, Camera di Commercio e Ordine dei Medici, Soci, Amministratori, Direttori Sanitari, il socio professionista. La previdenza sociale dei vari ruoli (ENPAM INPS) forme assicurative, e altre forme di previdenza privata. Contabilità per competenza, preventivi, piani di lavoro, stato di avanzamento lavori. La rilevanza del magazzino. Lettura degli indicatori di bilancio di una società (IRAP TFR). Tassazione IRES; accantonamento, utile lordo, utile netto, utili divisibili tra soci. Gli indici di affidabilità (ex studi di settore). Gestione dei crediti insoluti.

 



PROCESSO 5: Gestione delle Risorse umane

Ruoli professionali riconosciuti dal Ministero della Salute che possono essere presenti o collaborare con il team odontoiatrico. 81/08: ruoli della sicurezza, formazione, aggiornamento, medico competente. ASO Adeguamento del personale in essere selezione di nuovo personale. La ricerca e la selezione dei diversi ruoli: norme e metodi. Il questionario – il colloquio di Selezione - la scelta. I contratti di lavoro dei dipendenti. I contratti di lavoro dei liberi professionisti. I contratti a pecentuale e i contratti a conguaglio. Superminimo, premi, livelli. La scheda di misurazione delle performance. La delega efficace. Il piano di tutoraggio. Le riunioni periodiche. Organizzazione e gestione delle riunioni periodiche. Il sistema premiante. Riconoscere un team disfunzionale. Le attività di team building. Le azioni correttive e le azioni disciplinari. Il licenziamento.

 
PROCESSO 6: Controllo di gestione indicatori chiave e analisi dei costi

Contabilità analitica e centri di costo. La verifica trimestrali di costi e fatturato. L'analisi dei costi di produzione in qualità. Il listino e il tempario dello studio e dei singoli professionisti. Obiettivi di fatturato, target, volumi Il controllo di gestione e gli indicatori di performance. Scelta degli indicatori chiave in funzione degli obiettivi. L'analisi degli indicatori e l'analisi del controllo di gestione. Il confronto tra dati di bilancio contabilità analitica e controllo di gestione. La verifica semestrale. La gestione degli acquisiti. Gli accordi con i fornitori. Scelta dei fornitori: i criteri di qualità. La verifica periodica dei criteri di qualità dei fornitori.

 
PROCESSO 7: Coordinamento della comunicazione e informazione sanitaria

Struttura e dinamica della comunicazione. Come il ruolo condiziona e influenza la comunicazione. La comunicazione di ruolo con i pazienti in studio via mail al telefono. La risposta telefonica. La procedura di accoglienza. La raccolta e la gestione dei dati. Le attività di cortesia e le attività commerciali. L'uso dei dati per scopi scientifici. L'uso dei dati per scopi promozionali. Come l'ambiente condiziona e influenza la counicazione. L'anamnesi. Il consenso informato alle cure. La documentazione inerente al consenso informato alle cure. Preventivi Cicli di cura e consensi. La gestione delle obiezioni del paziente. La comunicazione tra i membri del team. La gestione dei conflitti Lo stile di comunicazione dello studio (ambiente comportamenti strumenti e mezzi). L'immagine coordinata. La personalizzazione dei prodotti di comunicazione. La vision, la mission, la verifica periodica della coerenza. Pubblicità sanitaria e informazione sanitaria. Il marketing: identificazione posizionamento target. Il marketing strumenti e mezzi (sito, web, social, luoghi, eventi). Il marketing definizione del budget di start up e gestione fiscale. Il marketing il budget periodico e la gestione fiscale. Gli scopi del marketing: popolarità reputazione informazione pubblicità. Il paziente passaparola e il paziente web addicted. Differenza tra strategia di marketing e azioni di marketing. L'efficacia del marketing: metodi di misurazione delle azioni di marketing. La soddisfazione del cliente. La soddisfazione del paziente.